venerdì 15 febbraio 2008

Buongiorno dolce


L'amore non dà nulla all'infuori di sé,
né prende nulla se non da se stesso.
L'amore non possiede né vuol essere posseduto,
Perché l'amore basta all'amore.

E non crediate di guidare il corso dell'amore,
poiché l'amore, se vi trova degni,
guiderà lui il vostro corso.

L'amore non desidera che il proprio compimento.
Ma se amate e quindi avete desideri,
i vostri desideri siano questi:
Sciogliersi e farsi simili a un ruscello
che scorra e canti alla notte la sua melodia.
Conoscere il martirio della troppa tenerezza.
Esser feriti dal vostro proprio intendere l'amore,
E sanguinare di buon grado, gioiosamente.

Svegliarsi all'alba con un cuore alato e dire grazie a un nuovo giorno d'amore;
Riposare nell'ora meridiana e meditare sull'estasi amorosa;
Tornare a casa con gratitudine la sera;
E addormentarsi con una preghiera per chi amate nel cuore,
e un canto di lode sulle labbra.

(Kahlil Gibran)

5 commenti:

Lorenzo ha detto...

Kalil Gibran ha davvero scritto cose spettacolari! :) Mi piace un sacco!

Peppe ha detto...

un grande!
un pensiero sopraffino, delicatissimo e profondo...
sa mettere le prole al posto giusto, le essenziali e al posto giusto...

Anonimo ha detto...

"..Perché è così che ti frega, la vita.
Ti piglia quando hai ancora l'anima addormentata
e ti semina dentro un'immagine, o un odore, o un suono che poi non te lo togli più."

...niente per caso...
lo credo anch'io.

vega_

Peppe ha detto...

Baricco, fantastico, un genio della penna!
;-)
un sorriso

Alessandro ha detto...

Bella poesia